questionario
Home » Vivere il territorio » L'Agricoltura nel Parco

Olio

L'introduzione dell'olivo nei Colli Euganei è avvenuta in tempi molto lontani; alcune fonti documentano la sua presenza addirittura al Pliocene, ma con maggiore probabilità l'olivo è risalito nella Pianura Padana in epoca pre-romana.
Alcuni autori romani, Polibio, Strabone, Plinio il Vecchio, Giovenale e Marziale, hanno descritto la fertilità dei luoghi e l'abbondanza delle vendemmie.
Nel IV sec. d.C. nell'opera "Historia Varia" di Claudio Eliano si può leggere che sui Colli Euganei venivano preparate delle focacce di farina condite con olio d'oliva e mele. In età tardo antica il degrado economico e politico provocò uno spopolamento e un deterioramento ambientale con conseguente abbandono dei campi coltivati e l'avanzamento dei boschi e delle paludi.
A partire dal 1400 con la dominazione veneziana l'olivo acquista una nuova importanza e anche dopo l'olivicoltura non viene più abbandonata come descrivono alcuni documenti della prima metà del 1700.
L'olivo ha un legame così stretto con il territorio euganeo che sopravvivono da secoli quattro coltivazioni autoctone: Rasara, Marzemina, Rondella e Matosso, ognuna delle quali produce olive e oli di differenti qualità. Altre varietà coltivate nel territorio euganeo sono il Leccino e il Frantoio.
L'olio dei Colli viene trasformato secondo una tradizione antica. Con l'istituzione del Parco sono stati incentivati l'ampliamento della coltura delle varietà locali di olivo e la produzione di qualità.
L'olio Extra Vergine di oliva prodotto nell'area dei Colli Euganei deriva unicamente da piante coltivate nei 15 Comuni che rientrano integralmente o in parte nel perimetro del Parco Regionale dei Colli Euganei. L'area naturalistica, sottoposta a tutela dal 1989, è a sua volta inserita nella più ampia delimitazione geografica riconosciuta come D.O.P. (Denominazione di Origine Protetta) per l'Olio Extra Vergine di Oliva "Veneto Euganei e Berici", "Veneto Valpolicella" e "Veneto del Grappa".
L'olio dei Colli Euganei, lavorato esclusivamente nella versione Extra Vergine, è un prodotto delicatamente fine riconoscibile dal tipico colore verde oro. Viene ottenuto con estrazione a freddo e, generalmente, confezionato non filtrato dopo accurate decantazioni. La bassa acidità, solo lo 0,2-0,3% quando il limite di legge per l'Extra Vergine è lo 0,8%, l'alta percentuale di grassi monoinsaturi (oltre il 75%) e il basso numero di perossidi, assieme alle sue caratteristiche organolettiche, portano quest'olio al top degli oli Extra Vergini italiani.

Denominazioni prodotti di qualità del territorio

DOP
Olio Extra Vergine di Oliva "Veneto Euganei e Berici", (Disciplinareweb)

Per maggiori approfondimenti visita:
Associazione Interregionale Produttori Olivicoli
Associazione Olivicoltori Euganei

Tutti i prodotti tipici del Parco:

 

Trovati 1 risultati.
Condividi su