La nuova APP è online!
questionario
Home » Vivere il territorio » I Sentieri del Parco » A piedi

N. 8 - Sentiero del Monte Cecilia

A piedi         Elevato interesse: flora Elevato interesse: panorama 
  • Partenza: Baone (Baone)
  • Arrivo: Baone (Baone)
  • Tempo di percorrenza: 1 ora 30 minuti
  • Difficoltà: T - Turistico
  • Lunghezza: 5 km
  • Dislivello: 170 m
  • Segnavia: segnato n. 8
  • Comuni interessati: Baone
  • Visualizza la mappa

I tempi di percorrenza sono calcolati per un escursionista allenato, possono variare a seconda della preparazione e dell'interesse specifico per le particolarità del tracciato.

Lasciata la macchina nella piazza di Baone, dalla strada che porta a Valle San Giorgio si raggiunge via Lucerna e si sale lungo un tratto di strada cementata. Si imbocca quindi una carrareccia delimitata da siepi di acero campestre, gelso della Cina, rovi, biancospini e lillà, svoltando poi a sinistra e proseguendo costeggiando un uliveto. Lungo il percorso sulle rocce affioranti di latite si possono notare le tipiche esfoliazioni cipollari, fenomeno di alterazione che si manifesta nelle rocce omogenee esposte agli agenti atmosferici. Si continua fino a un bivio dove, proseguendo a destra tra carpini neri, bagolari, robinie e frassini, si scopre un sottobosco ricco di asparago, olmo da siepe, acero, biancospino, pungitopo e berretta del prete, così chiamata per la caratteristica forma dei frutti. Al bivio successivo si sale a sinistra e si possono osservare olmi, cornioli, aceri e frassini, fino ad una radura. Proseguendo sulla destra si nota che la vegetazione si fa più rada con prevalenza di robinia; dopo un lungo tratto, si incontra la deviazione per i ruderi del castello medievale dei da Baone. Una scalinata in pietra conduce alle sue rovine, che meritano un'attenta visita. Ritornando al sentiero principale, si incontra un bosco di roverella seguito ancora da robinie; più avanti, a fianco della sbarra, troneggiano alcuni bellissimi esemplari di albero di Giuda.

I
I "vegri" del Monte Cecilia
(foto di PR Colli Euganei)
 

   Scarica KMZ   Scarica in formato GPX
 

Il sentiero procede in discesa e dopo un lungo tratto, si arriva ai ruderi di casa Bolcato per poi entrare in un bosco più fitto costituito prevalentemente da specie miste e robinia.

Al bivio si svolta a destra, proseguendo si entra in un bosco dove la vegetazione appare più ricca, con la presenza di carpini, alberi di Giuda, rosa di macchia, corniolo, aceri, roverelle, sambuchi, e altre specie. Usciti dal bosco si sbuca nei caratteristici prati aridi chiamati vegri, dove fioriscono la preziosa Ruta patavina e diverse specie di orchidee. La discesa procede e passa in mezzo a un boschetto di roverella con ginepri e carpini neri; si attraversa quindi un suggestivo paesaggio agricolo fino a una carrareccia che porta alla strada d'asfalto; di qui, a sinistra, si torna a Baone.

Condividi su